Weather:
city not found
HomeAziende sanitarieI nuovi farmaci per il carcinoma della mammella

I nuovi farmaci per il carcinoma della mammella

Un corso/convegno al Cottolengo

Un corso sui nuovi farmaci nella terapia del tumore alla mammella svoltosi ieri 6 ottobre al Cottolengo di Torino, è stato il momento di un confronto serrato e concreto tra gli operatori dell’ambito oncologico. Tutti concordi sul fatto che servono maggiori risorse, maggiori e più rapidi screening in grado di prevenire l’insorgenza del tumore. Tutti concordi, comune, che con una buona prevenzione e interventi tempestivi e una chirurgia di alto livello si può ridurre e di molto la mortalità nella donne colpite dal carcinoma mammario.

Disponibili a dare il loro apporto i Direttori generali delle strutture sanitarie invitati alla giornata di studio. Molti gli interventi di professioni sti del mondo delle aziende sanitarie e presenti i referenti della Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta ma anche moltissimi anche i dati che gli stessi professionisti hanno snocciolato ed esaminato nel corso dell’incontro.

La conclusione della mattinata ha visto il contributo delle associazioni di volontariato che si occupano delle donne operate al seno. Ognuna di loro ha presentato iniziative e attività per sensibilizzare e coinvolgere le donne dal momento dell’insorgenza del tumore alla riabilitazione.

Vivace la tavola rotonda del pomeriggio che ha coinvolto i direttori delle Gic del Piemonte nei quali sono state evidenziate le ancora purtroppo molte criticità presenti in tutte le aziende sanitarie. Tuttavia sono emerse anche proposte concrete per migliorare i servizi con risposte sia sul lato della riduzione delle attese, sia sugli screening, sugli studi genomici e sulla chirurgia per superare lo stallo dell’ultimo atto di riorganizzazione/pianificazione regionale datato dicembre 2022

.

Di seguito alcuni dati emersi nel corso della giornata

Nel 2019 sono stati rilevati 12.979 decessi per tumori maligni del seno (148 uomini e 12.831 donne), mentre per il 2021 sono stati stimati 12.500 decessi. Per il 2020 sono state stimate circa 55.000 nuove diagnosi.

Nelle donne la sopravvivenza netta a 5 anni dalla diagnosi e dell’88%, mentre la probabilità di vivere ulteriori 4 anni condizionata ad aver superato il primo anno dopo la diagnosi e al 91%. Uno studio sulla popolazione statunitense ha evidenziato tassi di sopravvivenza piu bassi negli uomini rispetto alle donne (a 3 anni: 86,4% vs 91,7%; a 5 anni: 77,6% vs 86,4%).

Per quanto riguarda la prevalenza, sono state stimate 834.200 donne viventi in Italia nel 2020 dopo una diagnosi di tumore della mammella.

Cos’è un centro di senologia o Breast unit

Per Centri di Senologia, o più comunemente Breast Unit, si intendono le strutture dove si svolgono attività di screening, si opera diagnostica clinico-strumentale dedicata alla mammella e si curano le pazienti con patologia mammaria.

Il Centro di Senologia rappresenta un modello di assistenza specializzato nella diagnosi, cura e riabilitazione psicofisica delle donne affette da carcinoma mammario, dove la gestione del percorso della paziente è affidato ad un gruppo multidisciplinare di professionisti dedicati e con esperienza specifica in ambito senologico.

I Centri di Senologia operano – come tutti i Centri di riferimento per le varie patologie tumorali – nell’ambito della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, in modo finalizzato a governare lo sviluppo dei servizi complessivamente offerti a livello regionale e lo sviluppo di uno specifico servizio offerto a livello di bacino di utenti di Azienda/Asl o interaziendale.

Le Breast Unit della regione Piemonte sono 16 ovvero:

  1. Aou. SS Antonio, Biagio e C. Arrigo di Alessandria
  2. Asl AT – Ospedale Cardinal Massaia di Asti
  3. Asl AL – Ospedale di Tortona
  4. Ao. S. Croce e Carle di Cuneo
  5. Asl CN1 – Ospedale di Savigliano
  6. Asl CN2 – Ospedale di Alba
  7. Aou Maggiore della Carità di Novara
  8. Asl VCO e Asl NO: centro interaziendale
  9. Asl BI di Biella
  10. Presidio Cottolengo di Torino
  11. AslTO4 – Ospedale di Ivrea
  12. Ao. Mauriziano di Torino
  13. Irccs di Candiolo
  14. Asl TO3 – Ospedale di Rivoli
  15. Aou Città della Salute e della Scienza di Torino
  16. Asl TO5 – Ospedale di Moncalieri

 

Il Centro di Senologia riunisce funzionalmente tutte le Unità operative, semplici, complesse o dipartimentali, o servizi che sono coinvolti nella diagnosi e cura della patologia mammaria e che concorrono a garantire la multidisciplinarità della diagnosi, cura e riabilitazione delle pazienti con carcinoma mammario. E’ fortemente raccomandato, per garantire la multidisciplinarità, che siano coinvolte le diverse unità, o servizi quali:

Radiodiagnostica, Chirurgia dedicata che comprende la Chirurgia ricostruttiva, Anatomia Patologica, Oncologia Medica, Radioterapia, Medicina nucleare, Genetica medica oncologica, Fisioterapia, Psico-oncologia e Cure palliative.

In realtà più piccole, alcune di queste specialità possono non essere presenti (per esempio la Radioterapia, la Genetica medica oncologica e la Medicina nucleare), ma è fondamentale che il centro sia collegato con strutture limitrofe dove tali specialità siano presenti, che tutti i dati vengano raccolti e condivisi e che tutti gli specialisti partecipino agli incontri dei Gruppi interdisciplinari Cure (GIC) e di audit organizzati dal Centro di Senologia.

Il Centro di Senologia, caratterizzato dalla numerosità della casistica trattata, risponde dell’adozione formale di protocolli di lavoro, di un programma di Quality Assurance (QA), dell’utilizzo di un database, per l’appropriatezza nella gestione della documentazione clinica (possibilmente con cartella elettronica). Esso promuove un’attività formativa e l’integrazione con progetti di ricerca nazionali ed internazionali finalizzati al miglioramento degli standard di cura ed infine è contrassegnato da un’adeguata accoglienza della paziente, da una comunicazione efficace ed una completa informazione.

Il Centro di Senologia deve possedere i requisiti definiti a livello europeo e adottati a livello nazionale:

– trattare ogni anno almeno 150 (rimodulati a 135) nuovi casi di carcinoma mammario;

-adottare linee guida per la diagnosi e il trattamento del tumore a tutti gli stadi e la riabilitazione

psico-fisica della paziente;

Come sarà evidenziato dai relatori, nuove opportunità e sfide di sostenibilità coinvolgono oggi la rete al fine di garantire una presa in carico tempestiva ed efficace delle pazienti: l’appropriata somministrazione dei farmaci innovativi, lo sviluppo della genomica e delle metodiche radiologia diagnostica e l’evoluzione delle procedure di radiologia interventistica.

Particolare attenzione merita anche il coinvolgimento delle Associazioni delle pazienti come indicato dall’ultimo atto di luglio 2023 della Conferenza Stato Regioni “Il ruolo delle Associazioni di volontariato, di malati e di attivismo civico nelle reti oncologiche”

 

Di seguito i Dati delPresido Ospedalieri Cottolengo

Visite Cas 2019 – 2022

Anno 2019 2020 2021 2022 delta 2020 vs 2019 DELTA 2022 VS 2019
Prestazione Catalogo Prestazioni Prestazioni Prestazioni Prestazioni
visita cas 633 518 772 697 -115 +64

 

Dati agosto 2023 → 572 visite CAS

Attività SSN Senologia Diagnostica 2019 – 2022

(totale visite mammografie, biopsie con varie tecniche, eco mammarie)

2019 2020 2021 2022 delta 2020 vs 2019 2022 vs 2019
Prestazioni Prestazioni Prestazioni Prestazioni
21.718 21.529 34.865 39.083 -189 17.365

 

Al mese di agosto 2023 sono state effettuate 28.584 prestazioni

Condividi:
Written by

Redazione: Claudio Risso: Direttore Responsabile --- Gian Paolo Zanetta: Direttore Editoriale --- Federico Dolce ---

No comments

Sorry, the comment form is closed at this time.