Weather:
city not found
HomeIDEA FOCUSPranzi dietetici e sani: il tentativo delle mense ospedaliere

Pranzi dietetici e sani: il tentativo delle mense ospedaliere

Mangiare sano è un obiettivo perseguito da ogni persona che ha cura di se stesso, ma l’ambiente ospedaliero, è il luogo dove questa aspirazione deve trovare il massimo raggiungimento.

Alcune mense dei presidi piemontesi ci stanno provando: iniziative che non può passare inosservata.  L’esperienza nasce dalle collaborazione tra i Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica, con le mense ospedaliere a gestione diretta. Lo scopo è quello di sensibilizzare Pazienti e Dipendenti al tema della nutrizione sia in ambito sanitario che in ambito conviviale, consci dell’importanza dell’alimentazione nel prevenire molte patologie.

S’inizia con l’organizzare menù speciali in occasione di specifiche giornate Mondiali e Internazionali dedicate a vari temi socio-sanitari nel del 2023.

Può essere curioso (ed ispirare anche i nostri desinari quotidiani) scorrere i menù predisposti da Francesco Gallo nell’Azienda Ospedaliero Universitaria San Luigi Gonzaga e realizzati grazie al lavoro del Dott. Marco Tinivella (dietologia e nutrizione clinica), per gli eventi programmati in cui il menù del giorno, sia per i pazienti che per i dipendenti. La proposta si aggiunge alle scelte fisse del giorno, in modo da non sconvolgere le abitudine, ma suggerire diete più sane.

 

La prima occasione è stata offerta dalla Giornata Mondiale contro il cancro del 4 Febbraio: vi sono numerose evidenze scientifiche del legame tra sovrappeso e obesità e molti tipi di cancro. Uno stile di vita attivo e una sana alimentazione ricca in fibre, a ridotto contenuto di grassi saturi e con l’utilizzo di alimenti anti-infiammatori può aiutare a ridurre il rischio di cancro. Il menù consigliato è stato: Zuppa di cereali, Insalata calda di sgombro, ceci e olive, Insalata di finocchi e arancia

 

Per il trentennale della Giornata mondiale del malato (11 febbraio) per spezzare la routine ospedaliera si è pensato di inserire un menù con piatti tipici delle feste italiane: Agnolotti al ragù, Stracotto, Patate al forno

 

Per Sabato 4 marzo in occasione del World Obesity Day (le stime dell’OMS rivelano che sono sovrappeso il 50% degli adulti e il 30% dei bambini e adolescenti del Pianeta: In Italia sono 18 milioni gli adulti in sovrappeso e 5 milioni quelli obesi, ovvero una persona su dieci), si è pensato ad un menù leggero: Pasta ai cavolfiori, Insalata di lenticchie e uova sode, Verdura di stagione al forno.

L’obesità rappresenta uno dei maggiori problemi di salute pubblica a livello mondiale che incide in maniera decisa sulla durata della vita perché si accompagna spesso a una numerosa serie di comorbidità quali: diabete, ipertensione, dislipidemia, malattie cardio e cerebrovascolari, tumori, disabilità. Una sana alimentazione, associata a uno stile di vita attivo è un valido strumento per la prevenzione, la gestione e il trattamento di questa patologia. Studi scientifici confermano che la dieta mediterranea sia uno strumento efficace per contrastare l’obesità.

 

Per la Festa della donna il menù non può che ispirarsi alla mimosa con dei Gnocchi mimosa (allo zafferano), Uova strapazzate, Zucca e patate

 

Per lunedì 13 marzo, Giornata Mondiale del Rene, ricordando che il 10% della popolazione Mondiale è affetta da patologia renale cronica, si propone la Pasta con le verdure, un Hamburger di legumi con Verdura di stagione. Un menù prevalentemente vegetariano e povero di sodio, soprattutto nelle prime fasi della malattia renale, può ricoprire un ruolo chiave per rallentare la progressione di tale patologia.

 

A Pasqua per chi sarà ricoverato o deve lavorare si verranno offerte delle Lasagna asparagi e vongole, Rolata di tacchino con Patate al forno

Per la Giornata mondiale dell’Infermiere (gli eroi della lotta contro il covid) si è pensato ad Riso venere (zucchine e gamberi) Seppie curry e piselli con Verdure di stagione.

 

Per ricordare San Luigi Gonzaga il 21 giugno saranno serviti degli Agnolotti al sugo d’arrosto, Vitello tonnato con le Verdura di stagione

Se l’obiettivo della giornata mondiale della popolazione dell’11 luglio è quello di accrescere la consapevolezza riguardo a tematiche legate alla demografia, la parità tra i sessi, la povertà, la salute durante la maternità e i diritti umani il menù si ispira ad uno sviluppo sostenibile con un Insalata di riso vegetariana, Polpette di melanzane con hummus di ceci e le classiche Verdure  di stagione.

 

Per la Giornata mondiale dell’Alzheimer, patologia che, grazie al dott. Fausto Fantò, viene seguita con particolare dedizione al San Luigi, il menù del 21 settembre, prevede una dieta mediterranea ricca in vitamine, anti ossidanti e w3 (Insalata di farro alle verdure, Insalata di merluzzo, pomodoro, olive capperi e verdure).

 

In occasione del World Heart Day (29 Settembre) con l’obiettivo di formare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza della prevenzione delle malattie cardiovascolari, tutte le preparazioni del menù saranno a ridotto contenuto di sale (Zuppa di orzo e verdure, Halibut in crosta di patate ed aromi, Insalata verde, sedano e noci). Un’alimentazione ricca in fibre, polifenoli, acidi grassi insaturi e ridotta in sodio e acidi grassi saturi e trans, possono contribuire a ridurre la colesterolemia e i rischi correlati.

 

La Giornata Mondiale della Salute Mentale (World Mental Day) del 10 ottobre ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sui problemi di salute mentale in tutto il mondo, quale componente essenziale della capacità di resilienza delle comunità. Il menù della giornata (Risi, bisi e parmigiano, Spezzatino di pollo al curry, Spinaci al grana, Mousse al cioccolato) è stato creato con lo scopo di aumentare il benessere sia attraverso la convivialità del pasto che introducendo alimenti ad elevato contenuto in magnesio che stimolano la produzione di serotonina.

 

La Giornata Mondiale dell’alimentazione del 16 Ottobre rappresenta il momento cardine dell’iniziativa e l’occasione per ricordare alle nostre coscienze che oltre 1/3 del cibo prodotto (1,3 miliardi di tonnellate di alimenti commestibili) finisce nella spazzatura. Il San Luigi si impegna quotidianamente donando all’associazione del buon samaritano il cibo non distribuito. Nel rispetto della piramide della sostenibilità, nel menù di questa giornata vengono utilizzati alimenti a basso impatto ambientale (Zuppa di verza con crostini, Tris di legumi in umido, Spumini di zucca).

 

Per la Giornata Mondiale del Diabete del 14 novembre, il menù prevede alimenti integrali e a basso indice glicemico: Pasta integrale con verdure, Nasello agli aromi, con contorno di stagione. La prevenzione primaria del diabete di tipo 2 s’identifica con la promozione di stili di vita corretti finalizzati anche alla prevenzione dell’eccesso ponderale e con uno stile di vita sano e attivo si può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 fino all’80%.

 

La programmazione si conclude il giorno di Natale dedicato a chi, anche quel giorno è chiamato a prestare servizio: Lasagnetta zucca e provola, Stracotto ai funghi con Patate al forno e l’immancabile Panettoncino.

 

Mangiare sano si può: è la prima medicina e può farci vivere meglio. E in questa sfida gli ospedali devono essere al primo posto.

Condividi:
No comments

Sorry, the comment form is closed at this time.